COOKIES ON MARKEM-IMAJE WEBSITE

To give you a better experience, we use cookies on our site. If you continue without changing your settings, we will assume you agree to receive all cookies on the Markem-Imaje websites.
If you want to know more about cookies and/or change your settings click on the "find out more" link.

To find out more information about cookies and how they're used on the Markem-Imaje website, visit our privacy policy page.

Info line

Info line

Vicino a voi

 Impegnata nei confronti della salvaguardia ambientale, Markem-Imaje si adopera per la globalizzazione di un servizio di raccolta e smaltimento dei rifi uti presso i suoi clienti. Vi spieghiamo come.
 

Con l’obiettivo di fornire ai suoi clienti
i migliori servizi ad ogni tappa del
ciclo di vita dei suoi marcatori e dei
suoi materiali di consumo, Markem-
Imaje ha deciso di implementare un
circuito di gestione dei rifi uti. Solventi,
fi ltri, inchiostri ed altri imballaggi
usati contenenti prodotti chimici sono
infatti sottoposti a vincoli ambientali
molto precisi. Per aiutare i clienti a
rispettare la normativa in vigore nei vari
paesi, il Gruppo si è quindi associato
a partner specializzati allo scopo di

raccogliere, riciclare e valorizzare tali
rifi uti. Questa politica, condotta già
da tempo in Francia (vedi riquadro),
è destinata ad essere implementata a
livello globale, con variazioni e processi
adatti alle normative di ogni paese.
Questo servizio è anche disponibile, ad
alcune condizioni, in Brasile, in Belgio,
in Giappone, a Singapore, in Portogallo
e a Taiwan. Inoltre, è in fase di studio
l’implementazione di sistemi di raccolta
differenziata analoghi presso altre fi liali.
Una questione da non perdere di vista…
Francia: un esempio virtuoso
Attivo da diversi anni, il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti derivanti dai materiali di consumo in Francia è stato interamente ripensato nel 2006. Allo scopo di gestire in modo ottimale la raccolta e il riciclaggio,
Markem-Imaje si è associata a uno dei
principali attori dello smaltimento in Francia: la società Chimirec. I clienti che sottoscrivono il contratto di recupero dei rifiuti inviano direttamente le richieste di prelievo a questo operatore. I team di Chimirec si occupano di tutto il resto, sotto la responsabilità di Markem-Imaje. Nel 2011, sono state raccolte e  adeguatamente smaltite oltre 50 tonnellate di rifiuti. Proposta in opzione a tutti i clienti nell’ambito del contratto materiali di consumo Consomaje, questa prestazione è inclusa sistematicamente nel nuovo  programma di servizi SMILE.

 

 

 

I nostri impegni

Markem-Imaje si è impegnata per raggiungere ambiziosi obiettivi ambientali  entro la fine del 2013: ridurre del 20%
il bilancio energetico, i consumi idrici e la produzione di rifiuti rispetto al 2010
. Nel 2012, sono state condotte numerose
azioni presso le piattaforme industriali allo scopo di migliorare in particolare l’aspetto energetico. Ad esempio, il progetto di estensione dei locali di Shanghai comprende specifi che avanzate in materia di isolamento, riscaldamento e illuminazione. A Bourg-lès-Valence (Francia)
e Keene (Stati Uniti), le nuove configurazioni tecniche e la sensibilizzazione dei collaboratori hanno permesso di razionalizzare
l’uso del riscaldamento e dell’aria condizionata. Inoltre, è stato condotto un lavoro mirato sui process industriali e la produzione d’aria compressa, il cui bilancio è un risparmio di 2 GWh, pari a 600 tonnellate in equivalente CO2. La spesa energetica del Gruppo diminuisce
così del 23% rispetto al 2010*. Un risultato intermedio più che incoraggiante!

 

Ambiente: risultati rimarchevoli

Cosa c'è di nuovo?

 Diteci che supporto avete e vi diremo che laser vi serve… La nuova generazione di codificatori laser CO2 SmartLase è in grado
di coprire qualsiasi esigenza dell’industria agroalimentare o delle bevande. «A partire da una cadenza di 300 prodotti al minuto e indipendentemente dalla dimensione e dal materiale del contenitore, siamo in grado di proporre una soluzione, spiega Stéphane Valette, Product Manager Laser. Per orientare correttamente i clienti, è importante conoscere prima il supporto: è essenziale per decidere quale marcatore sarà più adatto per una buona lettura.» La carta-cartone è perfettamente servita dai modelli standard C150 e C350. Le versioni
L sono più adatte agli imballaggi flessibili, mentre le versioni S vanno bene per le bottiglie in PET. «In seguito, analizziamo la performance richiesta. Combinando la cadenza della linea e la complessità del codice, raccomandiamo una versione 10 W, oppure una versione 30 W, in grado di offrire prestazioni analoghe a un codificatore da 50-60 W.» La nuova gamma è in grado di marcare fino a 100.000 prodotti
l’ora, con una qualità di stampa ottimale, grazie a un’innovativa tecnologia brevettata: una performance superiore del 30% agli
standard produttivi di mercato. Polivalenti e modulari, i codificatori SmartLase garantiscono un tasso di disponibilità fino al 99,9%.

Chi offre di più?

 

SmartLase: il laser "a la carte"

Innovazione

Integrata in tutti i modelli della nuova generazione di codificatori SmartLase, la tecnologia brevettata SCT  (SmartLase Code Technology) offre due importanti innovazioni.

Primo vantaggio: la capacità di marcatura maggiore. Per l’industria delle bevande, ad esempio, la cadenza di produzione passa da 1.200
a 1.800 bottiglie/min. Nell’industria agroalimentare, la capacità di stampa di ogni messaggio è incrementata da 30 a 120 caratteri.
Di conseguenza migliora la tracciabilità (codici Datamatrix o QR) e l’aggiunta di codici promozionali risulta facilitata. Altro innegabile
vantaggio: la gestione del contrasto. Infatti, è possibile scegliere tra tre livelli di contrasto per adattarsi ai vari supporti e ottenere una qualità di marcatura perfetta, indipendentemente dalla velocità. Il segreto della tecnologia SCT? La capacità unica nel suo genere del suo algoritmo di creare curve in tempi record! SCT: una tecnologia innovativa Diteci che supporto avete e vi diremo che laser vi serve… La nuova generazione di  codificatori laser CO2 SmartLase è in grado di coprire qualsiasi esigenza dell’industria agroalimentare o delle bevande. «A partire da una cadenza di 300 prodotti al minuto e indipendentemente dalla dimensione e dal materiale del contenitore, siamo in grado di proporre una soluzione, spiega Stéphane Valette, Product Manager Laser. Per orientare correttamente i clienti, è importante conoscere prima il supporto: è essenziale per decidere quale marcatore sarà più adatto per una buona lettura.» La carta-cartone è perfettamente servita dai modelli standard C150 e C350. Le versioni L sono più adatte agli imballaggi flessibili, mentre le versioni S vanno bene per le bottiglie in PET. «In seguito, analizziamo la performance richiesta. Combinando la cadenza della linea e la complessità del
codice, raccomandiamo una versione 10 W, oppure una versione 30 W, in grado di offrire prestazioni analoghe a un codificatore
da 50-60 W.» La nuova gamma è in grado di marcare fino a 100.000 prodotti l’ora, con una qualità di stampa ottimale, grazie a un’innovativa tecnologia brevettata: una performance superiore del 30% agli standard produttivi di mercato. Polivalenti e modulari, i codificatori SmartLase garantiscono un tasso di disponibilità fino al 99,9%. Chi offre di più? SmartLase: il laser « à la carte »
 

SCT: una tecnologia innovativa
Back to top